Il Musical della Passione 2012 “Ponte di Amore Mottola – Betlemme”

A breve pubblicheremo la mappa per raggiungere il posto, nel frattempo uniamoci in preghiera per questo emozionante evento.

 

COMUNICATO STAMPA

DA MOTTOLA UN PONTE PER BETLEMME, 150 FEDELI OLTRE IL MURO

Dal 2004 spacca in due Israele, a marzo si commemorerà il giorno infausto col musical

Sarà la fede che viaggia sulle note musicali a portare ed unire, da Mottola
fino ad Israele, il messaggio di speranza di due comunità religiose. Nel
medioevo nelle chiese rupestri mottolesi facevano tappa pellegrini e crociati prima
di partire per la Terra Santa. A distanza di secoli saranno in 150 i fedeli
che, il 2 marzo, partiranno per Gerusalemme su iniziativa dell’associazione di
promozione sociale Don Tonino per Amore di Mottola. “L’invito ci è stato
rivolto dal patriarca di Gerusalemme Fouad Twal due anni fa e noi ci siamo impegnati
fortemente per realizzare davvero questo Ponte per Betlemme”, dice Michele
Lentini presidente dell’associazione mottolese don Tonino per Amore.

E’ la Passione Vivente in Musical, unica nel suo genere in Italia, che
va in trasferta in Terra Santa. Sarà intitolata ”Per Amore…… ti dono il mio Spirito” la Via Crucis
itinerante che sarà a due mani. I cristiano palestinesi animeranno – con testi
di Don Tonino Bello – le stazioni di Gesù flagellato e incoronato di spine, il
peso della Croce, le donne di Gerusalemme. Mentre i giovani mottolesi, che da
oltre 20 anni danno vita alla Passione nel Santuario rupestre della Madonn
Abbasc’, dal loro Musical rappresenteranno – come ci spiega il coordinatore
Domenico Sgobba – le scene dell’Ultima Cena, il Getsemani, il tradimento di
Pietro, Gesù incontra sua madre, il processo romano, la Crocifissione, il
Cenacolo.

Come sempre, a Mottola, la Passione Vivente in Musical comunque verrà rappresentata agli inizi
di aprile. Ma torniamo a Gerusalemme ed alla scelta della data di inizio marzo che
non è casuale: servirà per dare una ulteriore scossa alle coscienze in
Occidente per la commemorazione di quel muro lungo 750 km che, appunto da marzo
del 2004, spacca in due Israele. I mottolesi rappresenteranno la Passione con
le musiche e i canti in italiano, i cristiano palestinesi in arabo: sarà anche
questo un tassello in più del Ponte d’Amore fra Puglia e Terra Santa.

Meritano di essere citate con i loro nomi le comunità parrocchiali che, a Gerusalemme,
accoglieranno i mottolesi poiché, come ha ricordato il vescovo della Diocesi di
Castellaneta Monsignor Pietro Maria Fragnelli, i cristiano palestinesi rimasti
a vivere in Terra Santa fra mille difficoltà sono oramai pochissimi: si tratta
di Betlemme, BetJala e Betsahour (Casa dei Pastori).

Quello di Gerusalemme è chiamato da chi è contrario “muro di separazione razziale” mentre
da chi è favorevole è definito col nome ufficiale di “chiusura di sicurezza israeliana” oppure ”barriera anti-terrorista”. Fatto è che,
nella comunità internazionale c’è scarsa attenzione. Al rientro dalla Terra
Santa, la prossima settimana, l’associazione Don Tonino per Amore di Mottola
informerà i mass media con una apposita conferenza stampa. Nel
frattempo, su facebook nel gruppo Don Tonino ….per Amore si potranno seguire
gli aggiornamenti.

Per info solo ai giornalisti (non pubblicare il numero) contattare il 347-0408363.

Scrivi commento